“Resto al Sud” – Una nuova iniziativa per aspiranti giovani imprenditori

Con Decreto Legge 20 giugno 2017, n. 91 sono stati introdotti nuovi incentivi rivolti a giovani imprenditori per l’avvio di un’attività nelle regioni del Mezzogiorno, ed è stato inoltre definito il percorso per arrivare alla istituzione delle Zes (Zone economiche Speciali).

La nuova misura, che sarà gestita da Invitalia, arricchisce il ventaglio delle opportunità di finanziamento a disposizione dei giovani del Sud che vogliono tentare la strada di mettersi in proprio, nell’ambito della produzione di beni nei settori dell’agricoltura, dell’artigianato e dell’industria, o nella fornitura di servizi.

Si affiancherà infatti alle altre agevolazioni nazionali attualmente vigenti a favore dell’autoimprenditoria: “nuove imprese a tasso zero”, “fondo SelfiEmployment”, “cultura crea”, “smart&start”.

“Resto al Sud” è una specifica misura di sostegno pensata per i giovani tra 18 e 35 anni, residenti in una delle otto Regioni interessate (Abruzzo, Basilicata, Calabria, Campania, Molise, Puglia, Sardegna e Sicilia), che non risultino già beneficiari nell’ultimo triennio di altre forme agevolative.

Ad essi è riservato un finanziamento fino a 40.000 euro per i titolari di impresa individuale, con la possibilità di arrivare a 200.000 euro per le società costituite o da costituire entro i 60 giorni successivi alla data di comunicazione dell’esito positivo dell’istruttoria.

sud-italiaL’incentivo sarà utilizzabile anche dai giovani che otterranno in concessione, a seguito di un bando pubblico per progetti di valorizzazione, terreni agricoli abbandonati o incolti.

Per l’agevolazione non sono previste risorse addizionali, ma si attingerà al Fondo sviluppo e coesione prelevandone 1,3 miliardi in quattro anni.

Come detto, una delle misure comprese nel decreto prevede l’istituzione delle ZES, le zone economiche speciali che interessano le aree portuali e quelle economicamente ad esse collegate. L’obiettivo è quello di rilanciare la competitività dei porti delle regioni meridionali, e di sperimentare procedure amministrative e di accesso alle infrastrutture per le imprese all’interno delle aree. Allo stesso scopo, le ZES saranno dotate di agevolazioni fiscali aggiuntive rispetto al regime ordinario del credito d’imposta al Sud.

Un’opportunità, quest’ultima, anche per la crescita infrastrutturale del territorio.

Come CM, siamo a disposizione di chiunque volesse avere ulteriori informazioni in merito all’iniziativa “Resto al Sud”. Sarà sufficiente scrivere all’indirizzo email info@caratterimobili.org.

  • author's avatar

    By: Stefano Giuri

    Laureato in Economia e direzione delle imprese in Luiss, membro dell’Ordine dei commercialisti di Lecce. Master in Diritto Tributario presso “Il Sole 24 Ore Business School”, e in Europrogettazione alla Sapienza. Specializzato in tax planning, transfer pricing e tax litigation, collabora con “SBS-Studio tributario societario” a Lecce e “Tinelli & Associati” a Roma. Fondatore del marchio “Damerini–Bottega di Stile”, di produzione handmade e bespoke di accessori moda per uomo.

  • author's avatar

  • author's avatar

    See all this author’s posts