Il Community Tourism Programme

Caratteri mobili vuole portare alla vostra attenzione un bel programma lanciato da Airbnb: il Community Tourism Programme a sostegno del turismo sostenibile, un nuovo modo di fare turismo che dovrebbe diventare il modello principale di attività, soprattutto in paesi come l’Italia che vivono di arte, cultura e ospitalità.

Il fondo di 5 milioni di euro Airbnb ha una copertura temporale fino al 2020 e l’obiettivo finanziare progetti europei presentati da organizzazioni che attraverso le comunità locali sviluppino un turismo sostenibile che esalti la cultura del territorio ai massimi livelli, senza trascurare l’importanza di garantire ai visitatori un’esperienza unica che renda ogni soggiorno indimenticabile.

Per poter partecipare a questo programma è necessario che il progetto venga realizzato negli Stati membri del consiglio d’Europa.

Possono partecipare diverse tipologie di organizzazioni come le agenzie senza scopo di lucro, gli enti di beneficenza, gli enti che ricevono finanziamenti pubblici, gli istituti di ricerca o le istituzioni accademiche, gli acceleratori di start-up e le associazioni di comunità attraverso l’invio di una lettera di interesse entro le 17 del 4 agosto 2017.

Dopodiché Airbnb filtrerà le domande e inviterà i progetti meritevoli a presentare la domanda di partecipazione entro le ore 17 del 10 novembre 2017 annunciando poi i vincitori finali a febbraio 2018.

il community tourism programmePer poter avere chances di vittoria i progetti, oltre all’originalità, dovranno avere come punto focale il Placemaking, inteso come riprogettazione degli spazi pubblici con protagonista la comunità locale e turistica; l’Innovazione, ovvero dovranno presentare nuove e moderne iniziative imprenditoriali che contribuiscano alla crescita economica della località in cui si decide di intervenire; gli Eventi, nel senso che dovranno rivitalizzare la vita artistica e culturale dei territori rendendoli unici e accessibili a chiunque voglia considerare la vacanza non solo opportunità di relax ma soprattutto un modo per aprire la propria mente e allargare i propri orizzonti culturali.

I progetti dovranno poi essere accompagnati anche da una strategia di marketing solida che coinvolga il pubblico e la comunità locale e anche da un business plan che delinei un obiettivo di realizzazione raggiungibile in 12 mesi.

In un mondo sempre più connesso e interconnesso, è bello vedere che grandi aziende finanzino progetti che mettano al centro l’uomo inteso sia come individuo singolo desideroso di apprendere e crescere culturalmente, ma anche come individuo membro di una comunità che abbia al suo centro non più e non soltanto l’obiettivo di aumentare il fatturato ma quello di esaltare la semplicità dell’esistenza e fornire così esperienze turistiche indimenticabili e genuine.

Per ulteriori approfondimenti: https://italy.airbnbcitizen.com/it/il-community-tourism-programme/